ANTI-CUTTING: Energiapura vince il premio “migliore innovazione di prodotto”!

Energiapura, durante la fiera Prowinter a Bolzano, ha vinto il premio di miglior innovazione di prodotto, con lo sviluppo dell’ ANTI-CUTTING!

La sicurezza dell’atleta agonista secondo Energiapura

Negli ultimi anni si sta parlando sempre di più di sicurezza sugli sci, in tutte le sue varie forme, perché lo sci oggi è diventato, e i numeri lo dicono, uno sport con incidenza elevata di traumi.

Diventa quindi necessario, se non obbligatorio, ricercare sistemi che possano renderlo accessibile, ma, soprattutto il più sicuro possibile, ad ogni praticante, ed ancora di più nell’atleta agonista, per far si che, ogni rischio possa essere minimizzato, se non annullato…

Nella storia di Energiapura, fin dagli inizi, c’è sempre stata un’attenzione fondamentale e prioritaria per la sicurezza, senza mai togliere l’importanza della libertà gestuale dell’atleta, quindi ricercando sempre soluzioni per lasciare inalterate le prestazioni.

Partendo dalle nostre protezioni contro l’urto frontale: parastinchi e paravambracci, poi per le protezioni lombari morbide, abbiamo sempre ascoltato le esigenze degli atleti ed allenatori assicurando sicurezza massima senza intaccare le performance.

Oltre alle classificazioni di sicurezza di Categoria 1^ e 2^, il nostro studio è sempre proseguito allo scopo si, di farli certificare contro gli urti e l’assorbimento degli stessi, ma, soprattutto perché potesse portare un reale miglioramento allo scorrimento sui pali e “fluidi”/aria.

Le nostre collaborazioni storiche e continuative con grandi Nazionali come Austria, Italia, Francia, Svizzera, Norvegia, Slovenia, Croazia, ecc.., ci hanno dato la possibilità di studiare e quindi realizzare delle protezioni sempre più performanti ma soprattutto sempre più sicure.

Nel 2015, dopo numerosi infortuni verificatesi in gare di Coppa del Mondo, nelle diverse specialità e discipline, vari atleti sono stati soccorsi per lesioni da taglio, dovute al contatto con le lame degli sci.

Quando un atleta finiva fuori pista nelle reti, o, quando nello ski cross cadeva, per chi lo seguiva era difficile, se non impossibile evitarlo, oppure, non per ultimo, nel parallelo con le tracciature ravvicinate richieste, per esigenze di inquadratura televisive…, che hanno portato gli atleti ad un contatto fisco tra loro.

La FIS, tramite il referente sulla sicurezza, sig. Markus Waldner, ci ha avvicinato e poi incaricato di studiare, e successivamente realizzare dell’abbigliamento che proteggesse gli atleti dal contatto fisico con gli sci, senza però dare impedimenti alla gestualità.

Sappiamo bene tutti che, negli ultimi anni gli sci, costruiti con nuove tecniche e sistemi, hanno portato a far diventare le lamine dei veri e propri “coltelli” affilatissimi.

Questo problema, un po’ alla volta, ha cominciato ad emergere non solo
nelle gare di Coppa del Mondo, ma anche negli sci club, nei quali i ragazzi si allenano e gareggiano con sci altamente professionali.

All’inizio ci si vergognava o si evitava di divulgare gli incidenti dei nostri ragazzi con le lame degli sci, poi, di volta in volta, mentre sviluppavamo questi prodotti, venivamo sempre più a conoscenza di nuovi casi di incidenti da taglio.

Arriviamo quindi a noi: quello che abbiamo realizzato è il frutto di 2 anni di ricerca, di prove e test per concretizzare dei capi tecnici che non penalizzassero in nessuna maniera il normale utilizzo nello svolgimento del gesto atletico, nelle varie discipline.

Il prodotto che ne è uscito rispecchia questi punti:

1 – Non altera le attuali norme prefissate dal regolamento FIS riguardanti il passaggio d’aria.

2 – Permette all’atleta di non avere impedimenti nella funzione fisica e nel gesto tecnico, quindi avere un tessuto bielastico.

3 – Protegge dal freddo dando un’ottima protezione termica.

4 – E’ Anti Taglio, certificato Anti Cutting Categoria 3.

Il mercato in primis, offriva dei materiali che avevano solo alcune di queste caratteristiche, penalizzandone altre e, comunque, non rispondenti a tutti i requisiti RICHIESTI.

Allora Energiapura ha cominciato, assieme ad un’equipe di ingegneri tessili, a realizzare dei nuovi filati che potessero permettere la tessitura e successivamente la concretizzazione di tessuti innovativi, altamente performanti al taglio, però elastici e termici.

E, non per ultimo, abbiamo voluto realizzare un tessuto che potesse essere certificato Categoria 3 Anti Cutting. EN 388:2004 classe 6.2.

Lo abbiamo voluto testare con i maggiori atleti dello sci a livello mondiale, realizzando dei capi dove sicurezza, comfort e performance avessero la predominanza.

Abbiamo portato alla FIS dei risultati concreti per fare dei capi di abbigliamento di sicurezza vera ANTI CUTTING.

Anzi la FIS stessa, in questo ultimo anno ha richiesto a tutte le Federazioni che, nel parallelo gli atleti qualificati agli ottavi, fossero muniti di questi nostri capi ANTI CUTTING, pena l’esclusione.

Per quanto riguarda le discipline tecniche abbiamo sviluppato il prodotto con atleti del calibro di Marcel Hirscher, Henrik Kristoffersen, Tina Maze, con tecnici come Matteo Guadagnini per l’Italia, Walter Gradwohl dell’ Austria, Franz Gamper della Norvegia.

Il nostro obiettivo finale, ed anche quello della FIS sarebbe quello di renderlo OBBLIGATORIO in tutte le discipline dello sci.

Grazie a richieste e collaborazioni di atleti, che sono ormai amici, stiamo portando avanti la realizzazione di un nuovo prodotto anche per le gare di velocità che, per il momento non possiamo far conoscere per necessità di brevetto.

Ecco un video esplicativo dell’efficacia dell’ Anticutting:

I prodotti Energiapura ANTI CUTTING

MAGLIA ANTI-CUTTING

Maglia e Calzamaglia ¾ studiate per proteggere il corpo umano da corpi estranei che potrebbero causare delle lacerazioni alla cute, in particolare le zone a rischio in quanto in caso di taglio metterebbero a rischio di morte l’atleta.

MAGLIA ANTICUTTINGPANTA 3/4 ANTI-CUTTING

PANTA 3/4 ANTICUTTINGEnergiapura continua ogni giorno la propria ricerca e sviluppo su questi prodotti per dare una maggior sicurezza al nostro sport!

Save

Save

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here