Lo slalom gigante è la sua specialità preferita, l’ha visto esordire in Coppa del Mondo sulla Gran Risa. Domani, Gio Franz, 19enne bresciano delle Fiamme Gialle, avrà l’occasione di partire con un pettorale sicuramente migliore rispetto alla Coppa del Mondo e sulla pista ghiacciata di Cortina potrà far vedere veramente di che pasta è fatto.

 

È un anno importante, già lo scorso anno mi sono affacciato alla coppa Europa, quest’anno subito l’Alta Badia, poi Adelboden. In questo mondiale ho fatto la combinata, il parallelo e adesso il gigante dove posso partire meglio rispetto ai numeri in Coppa del Mondo, spero vada tutto bene.

 

Nella combinata ha “impressionato” la tua risalita a scaletta dopo l’inforcata alla prima porta, qual è lo spirito che c’è dietro a quel gesto?

 

“È il mio spirito, arrivare sempre in fondo, sin da quando ero piccolo, sempre terminare le gare, d’istinto. E ho fatto bene anche per confermare il punteggio fis del superG del mattino dove avevo fatto bene. Ma a metà manche avevo le gambe finite e sfinite, mi bruciavano da morire”.

 

Arriva il gigante, la specialità del tuo esordio in Coppa del Mondo:

 

“Il gigante è la mia specialità preferita, ma la velocità mi piace da morire, i tecnici mi hanno sempre incitato a farla e mi sto appassionando e divertendo. Ma il gigante mi piace proprio.”

 

Qual è l’ambizione per questo slalom gigante?

 

“C’è voglia di far bene e anche tanta emozione. Il Gigante è La disciplina che speravo proprio di fare a questi mondiali. L’approccio sarà come sempre all’attacco, non ho niente da perdere. Pista lunga, temperature in aumento, e sarò concentrato dall’inizio alla fine.
E’ una bella bella opportunità.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here