La Coppa del Mondo in discesa femminile va a Ilka Stuhec!

Dopo Peter Fill, Energiapura colleziona con Ilka Stuhec la Coppa del Mondo di discesa per la sua prima volta in carriera con 597 punti!

ilka stuhec e peter fill coppa del mondo

L’atleta slovena in gara con tuta, sotto tuta e protezioni Energiapura, si prende tutto sulla Ruthie’s Run / America’s Downhill, suggellando una stagione inimmaginabile nemmeno nei suoi pensieri più ottimisti: vittoria ad Aspen, la settimana dell’annata, la quarta in libera, podio numero undici (anche in carriera), coppa di discesa in cassaforte, che va ad aggiungersi a quella di combinata alpina, podio finale nella classifica generale.

Bene ha fatto Ilka Stuhec comunque a scegliere il pettorale numero 1. La slovena si è imposta con il tempo finale di 1’36’’95, realizzando il miglior tempo nel primo e terzo parziale, e difendendosi sulle cinque porte singole del muro, sicuramente il tratto più tecnico del pendio.

ilka stuhec discesa libera aspen

Il tracciato si è dimostrato bello, completo, con una parte iniziale di pura scorrevolezza, ma ricca di salti e dossi, un ‘supergigantone’ centrale, una traversa e una doppia (fondamentale per la velocità) che immetteva nella parte conclusiva, comunque ancora da lavorare soprattutto nel dosso che portava al traguardo. Ilka ha vinto la gara nella parte alta, d’accordo, ma non è stata da meno in fondo. Successo limpido e meritato.

ilka stuhec discesa libera aspen

STAGIONE TOP – Si merita tutto, perché dopo una carriera folgorante da junior, qualche infortunio di troppo, le difficoltà trovate in squadra, quest’anno, cambiando materiali e rinforzando il suo team privato, è esplosa in tutto il suo talento, in realtà ben noto da tempo agli addetti ai lavori, anche in slalom e gigante, arrivando a conquistare cinque discese su nove disputate, titolo iridato compreso e piazzandosi sempre tra le prime otto con il contorno di altri due podi, in libera.

Onestamente difficile fare meglio di così e difficile batterla, soprattutto su piste che presentano un tratto iniziale mosso, di pura scorrevolezza, come quella del Colorado, anche per sua maestà Vonn. Ma il suo trionfo non è stato costruito solo sui piani, anzi: la slovena ha dimostrato di saper sciare in maniera ottimale anche nei tratti più difficili, a livello delle migliori, in un crescendo di condizione e fiducia, vincendo in superG, combinata alpina e piazzandosi tra le migliori dieci in slalom a Maribor! Succede nell’albo d’oro della coppa di specialità a Lindsey Vonn, che l’ha conquistata otto volte nelle ultime dieci stagioni

ilka stuhec coppa del mondo aspen

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here